< INDIETRO          

I due Pasolini. Ragazzi di vita prima della censura




presentazione del libro

I due Pasolini. Ragazzi di vita prima della censura

Silvia De Laude (Carocci, 2018)

Dialogano con Silvia De Laude

Lisa Gasparotto (Università Bicocca Milano)

e l’attore Lino Guanciale protagonista dello spettacolo Ragazzi di vita in scena il 15,16 e 17 marzo 2019


Ridotto

giovedì 14/03/2019
ore 18.00

Ingresso gratuito - Ritira il biglietto in biglietteria

In occasione  della presentazione in regione dello spettacolo tratto dal romanzo Ragazzi di vita regia di Massimo Popolizio, drammaturgia di Emanuele Trevi, con Lino Guanciale, produzione del Teatro di Roma,  il Centro Studi Pier Paolo Pasolini di Casarsa si è fatto promotore della presentazione, in collaborazione con il Teatro, del recente volume di Silvia De Laude “I due Pasolini. Ragazzi di vita prima della censura”.

Il 13 aprile 1955 Pier Paolo Pasolini invia a Livio Garzanti il dattiloscritto di Ragazzi di vita. Crede di aver chiuso i conti con quel romanzo che aveva tanto faticato a prendere una forma e si riserva di apportare giusto qualche minimo intervento più avanti in bozze. Non andrà così. In maggio Pasolini scrive a Vittorio Sereni di trovarsi fra le mani <<bozze mezze morte, da correggere e da castrare>>: Garzanti è stato preso da <<scrupoli moralistici>>, <<si è smontato>>. Troppe parolacce, troppa violenza, troppe situazioni spinte. Troppe bestemmie. Troppe pagine che sembravano fatte apposta per portare dritti in tribunale. E’ un vero ultimatum: o il romanzo si taglia e si corregge, o non si fa. Questo studio di Silvia De Laude, che in precedenza aveva collaborato con Walter Siti all’edizione delle opere complete di Pier Paolo Pasolini (“I Meridiani” Mondadori, 1998-2003), racconta la storia dei <<giorni atroci>> dell’autocensura.

Ciò nonostante il 29 dicembre 1955, il procuratore della repubblica di Milano cita in giudizio direttissimo <<Garzanti Aldo e Pasolini Pier Paolo, imputati di pubblicazione oscena>>. Il processo vede le testimonianze a difesa del romanzo dei maggiori critici letterari del tempo: Carlo Bo, Pietro Bianchi, Giuseppe Ungaretti, Gianfranco Contini, Emilio Cecchi, Giancarlo Vigorelli, Giuseppe De Robertis. Il 4 luglio 1956  i giudici assolvono con formula piena autore ed editore di Ragazzi di Vita.



BIGLIETTI

​Ingresso gratuito previo ritiro del biglietto alla Biglietteria del Teatro