https://www.comunalegiuseppeverdi.it/img/foto_teatro.png

NUOVA EDIZIONE DE “I CONCERTI DELLE 18” IL PALCOSCENICO DIVENTA TERRITORIO APERTO AL DIALOGO TRA ARTISTI E PUBBLICO ATTORNO ALLA MUSICA.

AL VIA IL 6 FEBBRAIO CON UNA NUOVA COLLABORAZIONE CON IL CONSERVATORIO DI MUSICA “TOMADINI” DI UDINE. A TEATRO UN CROCEVIA DI IDEE, SPERIMENTAZIONI E PROPOSTE FORMATIVE.

I CONCERTI DELLE 18 - A TEATRO UN CROCEVIA DI IDEE, SPERIMENTAZIONI E PROPOSTE FORMATIVE.

SEI APPUNTAMENTI DA FEBBRAIO A MAGGIO (ALLE ORE 18) PER UN ASCOLTO PROFONDO DI MUSICISTI DIVERSI PER ETÀ ED ESPERIENZE.

PROTAGONISTI: MICHELE CAMPANELLA (20 FEBBRAIO), MONICA CARLETTI E MARCO SOLLINI (20 MARZO), ILIA KIM E PIERO RATTALINO (2 MAGGIO)

 

PORDENONE – Al via la nuova edizione de “I concerti delle 18”  uno spazio musicale innovativo dove il Palcoscenico del Teatro Verdi di Pordenone diventa vero e proprio territorio culturale creativo. Dal 6 febbraio a 2 maggio, per sei diversi incontri-concerto (con inizio alle ore18), artisti e pubblico condivideranno lo spazio e il dialogo attorno all’esperienza musicale. “I concerti delle 18” – sostenuto dalla Fondazione Friuli - permetteranno un ascolto profondo di musicisti diversi per età, esperienze e attività: un crocevia di idee, sperimentazioni e proposte formative.

Per questa nuova edizione sono tre gli incontri-concerto con celebri nomi già noti al grande pubblico: Michele Campanella (20 febbraio), Monica Carletti e Marco Sollini (20 marzo), Ilia Kim e Piero Rattalino (2 maggio).

Tre appuntamenti questi, che dialogano con altrettanti concerti programmati per il Cartellone Musica 2018 in sala grande, che permettono uno scambio preparatorio rispettivamente con: il concerto di Jan Lisiecki e dell’Orchestra della RAI (12 maggio), all’esclusivo concerto di Regula Mühlemann e la Kammerorchester Basel (18 aprile) e il concerto del Quartetto Bennewitz e Alessandro Taverna (4 maggio).

Ma l’edizione 2018 si arricchisce anche di tre incontri (ad ingresso gratuito) grazie ad una nuova collaborazione con il Conservatorio Statale di Musica “J. Tomadini” di Udine. Protagonisti allievi e docenti per una speciale guida all’ascolto. In programma un recital per il centenario di Claude Debussy, un’ensemble di musica contemporanea ed una, vocale e strumentale, di musica barocca con brani di Antonio Vivaldi.

Gli ingressi agli eventi prevedono i biglietti a € 8,00, una speciale riduzione per gli abbonati Cartellone 2017/2018 a € 4,00 e l’ingresso gratuito per i ragazzi Under 25, mentre saranno gratuiti gli eventi in collaborazione con il Conservatorio di Udine. Informazioni tel. 0434 247624 www.comunalegiuseppeverdi.it

Il prossimo 20 febbraio sul Palcosenico del Teatro Verdi di Pordenone appuntamento con “Il mio Liszt” incontro-concerto con Michele Campanella. “Napoletano di spirito, di famiglia, di scuola – dice di sé Michele Campanella – per cinquant’anni ho cercato il Suono e ancora sono per strada. Ho molti autori ‘preferiti’ eppure mi definiscono ‘specialista’ di Franz Liszt. Non amo questa etichetta, ma stimo altamente l’uomo. Ecco una sua sentenza che potrei prendere in prestito: Tutto quello che si può fare è camminare diritto in tutta semplicità, senza tanto spiegare agli altri il come e il perché”. Grande virtuoso della tastiera, Michele Campanella delinea di Liszt un ritratto complesso e ‘vissuto', che parte dalla sua personale esperienza di pianista: in programma la Sonata in si minore del compositore ungherese, pagina visionaria e spettacolare, diventata ormai un classico nel repertorio del romanticismo musicale. Ingresso con Biglietto a € 8,00, una speciale riduzione per gli abbonati Cartellone 2017/2018 a € 4,00 e l’ingresso gratuito per i ragazzi Under 25. Informazioni tel. 0434 247624 www.comunalegiuseppeverdi.it

Il 6 febbraio (ore 18, ingresso gratuito) “Impressionismo in musica” il primo degli appuntamenti con il Conservatorio di Musica “Tomadini” che prevedono l’introduzione del direttore Virginio Zoccatelli. Qui i mondi dissimili, ma anche profondamente affini, di due compositori che hanno segnato l’avvento della modernità nella musica europea. Vissuti nella stessa epoca, Debussy e Ravel sono caratterizzati da uno stile personale e riconoscibile che ha lasciato un’impronta decisiva nella musica del primo Novecento. Il programma è un omaggio ad alcune delle più belle pagine pianistiche dei due autori.  In scena Alessandro Del Gobbo, Riccardo Burato, Matteo Bevilacqua, Giorgia Visentini, allievi delle classi di pianoforte dell’istituto musicale udinese. Ingresso gratuito. Informazioni tel. 0434 247624 www.comunalegiuseppeverdi.it