Questa sera, 12 maggio ore 20.45, ultimo appuntamento con il Jazz: Dado Moroni al pianoforte e Max Ionata al sax, con il progetto “Two For You”.

Il concerto, condiviso con il Circolo Controtempo - che con questa data chiuderà la sesta edizione della rassegna Piano jazz - andrà a sostituire quello dell’Aruan Ortiz Trio, originariamente previsto, a causa dell’annullamento del tour internazionale della band.

Sarà un virtuosistico omaggio a due grandi nomi della musica jazz e soul-pop, Duke Ellington e Stevie Wonder a chiudere, alle 20.45, la rassegna Jazz corner che si tiene nello spazio informale e “avvolgente” del retropalco del Teatro, dove salirà il duo composto da Dado Moroni al pianoforte e Max Ionata al sax, con il progetto “Two For You”. Il concerto, condiviso con il Circolo Controtempo - che con questa data chiuderà la sesta edizione della rassegna Piano jazz -  andrà a sostituire quello dell’Aruan Ortiz Trio, originariamente previsto, a causa dell’annullamento del tour internazionale della band.

Il loro nuovo progetto, “Two for you” è una sorta di “the best” dei due precedenti: una miscela esplosiva che parte dal repertorio di due straordinari artisti che hanno fatto la storia della musica per rivisitarlo in chiave decisamente originale. Il tributo di Moroni e Ionata si basa su un continuo scambio di ruoli tra i due. I musicisti partono sempre presentando il tema di ogni brano, anche il più celebre, in modo cristallino, per poi trascinare gli ascoltatori in evoluzioni riccamente energiche. Se a presentare il tema è il sax ecco che  il pianoforte, con il tocco esplosivo e tutt’altro che minimalista di Moroni, ha la funzione di sezione ritmica. Se invece è il pianoforte ad introdurre il brano Ionata, che oltre ad essere dotato di grande lirismo sa anche ottenere dal suo strumento molte voci differenti, lo sottolinea con un impulso ritmico-armonico, swing allo stato puro. Alternandosi nell’improvvisazione, i due jazzisti giocano con melodie e ritmo, ricamandoci sopra evoluzioni appassionatamente creative.

Uno straordinario lavoro di rilettura dei due musicisti che si esprime in un dialogo personale su tempi e strutture, un’interpretazione dove entrambi gli strumenti sono protagonisti alla pari. Max Ionata al sax e Dado Moroni al pianoforte esprimono sul palco la conoscenza e il profondo amore per la musica che li lega artisticamente. Un sodalizio umano, oltre e ancor prima che artistico, dove i due artisti si cercano, si inseguono e sanno mettersi da parte quando è il momento di dare spazio esclusivo allo strumento dell’altro. Un’occasione davvero rara di assistere ad un concerto imperdibile.